LE MISURE DI SOSTEGNO ALLE IMPRESE APPALTATRICI DI CONTRATTI PUBBLICI – l’anticipazione del prezzo, la revisione dei prezzi e la compensazione del caro materiali da costruzione in emergenza COVID-19

  • Data/e
    Validità di 3 mesi dall’invio delle credenziali
  • Durata
    video 4 ore + materiali + 2 quesiti
  • Sede
    ON-LINE IN DIFFERITA

Docente

BERNASCONI SARA

Esperta di contrattualistica pubblica. Docente e formatrice in corsi di alta formazione e di formazione specialistica in materia di APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI.
Scopri di più

Segretari e Direttori; Dirigenti, Responsabili e Funzionari dei Settori Finanziari, Tecnico, Contratti  e Gare, Provveditorato/economato e di tutti i Servizi che effettuano acquisti di beni e servizi nella PA.

L’istituto dell’anticipazione del prezzo:

  • L’art. 35 c. 18 del D.Lsg. 50/2016 prima del decreto sblocca cantieri (D.L. 18 aprile 2019, n. 32) e l’anticipazione solo per i LLPP: deliberazione n. 67/2020 dalla Corte dei conti, Sezione regionale di controllo per il Piemonte;
  • l’art. 1, comma 20, lett. g), n. 3, del D.L. 18 aprile 2019, n. 32 e l’estensione dell’istituto ai servizi e forniture: problematiche applicative
  • L’articolo 207 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, rubricato “Disposizioni urgenti per la liquidità delle imprese appaltatrici” la facoltà di elevazione dell’anticipazione dal 20% al 30%. Condizioni e presupposti alla luce dei chiarimenti del MIT R112 del 11/08/2020 e del MIMS n. 923 del 05.11.2021
  • La fideiussione: lo svincolo, l’escussione e il recupero dell’anticipazione
  • ANAC del. n. 247 del 16 marzo 2021: l’anticipazione nel sottosoglia
  • L’anticipazione del prezzo nei settori speciali

L’istituto della revisione dei prezzi:

  • Nei lavori pubblici:
  • Il D.Lgs 163/2006: il divieto di revisione dei prezzi nei LL.PP. e il prezzo chiuso (art. 133 c. 3), i decreti del MIT, l’istanza di applicazione del prezzo chiuso (disciplina tuttora vigente per contratti con bando pubblicato prima del 19/4/2016)
  • D.Lgs. 50/2016 all’art. 106 c. 1: la facoltà della stazione appaltante di prevedere la revisione dei prezzi e i limiti della clausola di revisione dei prezzi

Nei servizi e nelle forniture:

  • L’art. 44, comma 4, L. n. 724 del 1994 e la revisione dei prezzi nei servizi a prestazioni periodiche e continuative: l’eterointegrazione ai sensi degli artt. 1339 e 1419 cc. del bando di gara. Nullità di clausole difformi (Cons. stato 5375/2015)
  • D.Lgs. n. 163/2006 art. 115: la revisione dei prezzi e l’istruttoria del dirigente
  • La giurisdizione dell’A.G.A. in materia di revisione dei prezzi (corte di Cassazione, S.U. sentenze n. 14090/2004, 4463/2009, 6016 e 19567/2011, 7176 e 12063/del 2014) e la posizione dell’appaltatore di mero interesse legittimo (Cons. Stato, Sez. V, 6275/ 2014, 465/2013)

La compensazione per caro materiali da COVID-19 prevista dal DL 73 del 25/5/2021 art. 1-septies (c.d. “Decreto Sostegni bis”), dal D.M. del MIMS del 30/9/2021 (che definisce le modalità di utilizzo del fondo per l’adeguamento dei prezzi di materiai da costruzione) e dal DM del MIMS del 23/11/2021, che ha rilevato le variazioni percentuali in aumento o in diminuzione, superiori all’8%, verificatesi nel primo semestre dell’ano 2021, dei singoli prezzi dei materiali da costruzione più significativi, con particolare riferimento ai seguenti aspetti:

  • Lo stanziamento per piccole imprese, medie imprese e grandi imprese (100.000.000,00 €)
  • La domanda di compensazione: i requisiti di ammissibilità, i tempi di presentazione
  • L’istruttoria del DL: il calcolo della compensazione spettante, la detrazione delle revisioni già riconosciute, alla luce della circolare MMS del 5 novembre 2021 n. 433362,
  • La verifica di disponibilità di fondi da parte della stazione appaltante, l’individuazione delle risorse comunali destinabili alla compensazione dei prezzi, la certificazione di indisponibilità
  • L’istanza di accesso al fondo per l’adeguamento dei prezzi del MIMS;
  • L’istruttoria del MIMS, conseguenze in caso di insufficienza dei fondi

Il corso è fruibile on-line su computer, tablet o smartphone e le lezioni possono essere seguite in qualsiasi momento della giornata, accedendo all’Area riservata CALDARINI&associati con le credenziali inviate tramite e-mail al momento dell’iscrizione al corso.

Il corso è composto

  • Videoregistrazione della lezione tenuta dal docente (registrata in data 11 febbraio 2022) – durata 4 ore
  • 2 quesiti al docente
  • Slides
  • Materiale di approfondimento

L’accesso al corso è valido per un periodo di 3 mesi.

Quota di iscrizione a persona
Enti pubblici e Privati € 260
Piccoli Comuni
(fino 8.000 ab.)
€ 200
Ingresso con
Abbonamento  sottoscritto prima del 31/03/2020
ingresso =

1 partecipante

Ingresso con
Abbonamento sottoscritto dopo il 1/04/2020 1

4 ore/uomo =

1 partecipante

Gli importi si intendono + iva 22 %; se la fattura è intestata ad Ente pubblico, la quota è esente iva ai sensi dell’art. 10, DPR 633/72 e successive  modificazioni e all’importo si somma la rivalsa di 2 euro della marca da bollo. 

 

LE QUOTE COMPRENDONO accesso all’Area riservata CALDARINI&associati, fruizione del corso on-line e materiale in formato elettronico, 2 quesiti al docente, attestato di partecipazione.

Ente pubblico – il pagamento dovrà avvenire entro 30 giorni e copia di Determina o Buono ordine o altro impegno dovrà essere trasmessa prima della fruizione del corso alla segreteria organizzativa.

Azienda privata o persona fisica che partecipa al corso a titolo personale – il pagamento dovrà avvenire prima della fruizione del corso e copia della ricevuta del bonifico dovrà essere trasmessa alla segreteria organizzativa.

Note per sconti e promozioni

  1. ABBONAMENTO CORSI sono previste condizioni agevolate per le iscrizioni multiple, contattare la segreteria organizzativa tramite tel. 0522.337678 o e-mail a segreteria@caldarinieassociati.it

Codici-prodotto MEPA per quote di partecipazione corsi a catalogo (clicca qui)

Segreteria organizzativa
tel 0522.337678
e-mail segreteria@caldarinieassociati.it