I TITOLI EDILIZI DOPO LA RIFORMA MADIA – Permesso di Costruire e Scia, aggiornato con il DL 32/2019 c.d. “sblocca – cantieri”

  • Data/e
    mercoledì 12 giugno 2019
  • Orario
    9,15 – 13,00 / 14,15 – 16,30
  • Sede
    BOLOGNA
  • Luogo
    Zan Hotel Europa

    Via Cesare Boldrini, 11 - Bologna

Docente

PAOLA MINETTI

Funzionario di Amministrazione comunale con P.O. Specializzata in Studi sull’Amministrazione Pubblica (SPISA, Università di Bologna). Autore di pubblicazioni in materia. Socio effettivo di INU.
Scopri di più

Evento concluso.

Dirigenti, Responsabili Funzionari e loro Collaboratori dei Settori Edilizia e  Tecnici di Ente locale.

Il corso tratterà in particolare la LR E.R. 15/2013 e con la LR 23/2004 modificate dalla LR 12/2017.

Dopo le riforme degli ultimi anni restano due titoli edilizi: permesso di costruire e SCIA. Analisi dei due titoli, della disciplina nazionale e regionale e dei compiti amministrativi di controllo. Infine si vedranno gli strumenti di tutela dei privati.

la nuova SCIA nell’evoluzione normativa dagli interventi del 2013 ad oggi: il testo modificato con un nuovo decreto esterno alla Legge 241/90; la nuova SCIA: cosa cambia rispetto al passato. La natura giuridica della SCIA come atto privato e la sua funzione di legittimazione degli interventi edilizi differente nel testo del dPR 380/2001 e nelle leggi regionali.

Analisi del nuovo articolo 19 L 241/90 dopo la legge di riforma 124/2015 e attuale situazione; analisi dell’articolo 21 e dell’articolo 21 nonies della legge 241/90 in relazione all’articolo 19.

Come si modifica il potere amministrativo e l’intervento della Pubblica Amministrazione sulla SCIA ai sensi del novellato articolo 19.

La disciplina regionale intervenuta con le modifiche in vigore dal 1/7/2017

Il nuovo articolo 19 della legge 241/90: il potere inibitorio di intervento della PA entro i 30 gg.

Tramonta il potere conformativo e quello in autotutela.

I poteri dopo i 30 giorni.  La carenza di potere da parte del dirigente: atto nullo o annullabile?

Il coordinamento con l’articolo 21 della medesima legge (false dichiarazioni rese dal privato e conseguenze) sulle disposizioni sanzionatorie.

Le decisioni giurisprudenziali sulle attestazioni non veritiere. Il titolo autodichiarato alla luce di false affermazioni e attestazioni ivi contenute.

L’affidamento del privato e la situazione in cui l’affidamento si formi.

La posizione del privato (proprietario e tecnico) e della PA nel caso di falsità contenute nel titolo. Gli effetti sulla realizzazione delle opere.

L’esercizio dei poteri sanzionatori.

La conferenza dei servizi: la nuova conferenza dei servizi. Tempi di realizzazione della conferenza e strumento da adottare all’interno della procedura di formazione del titolo (permesso di costruire) o della verifica della SCIA (concentrazione dei regimi amministrativi).

– La posizione della giurisprudenza in materia. La tutela del terzo in relazione ai titoli edilizi; la giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo, con particolare riferimento alla tutela in caso di presentazione della SCIA:
non si può impugnare la SCIA: il comma 6 ter lo vieta. Quali possono essere i rimedi. Ordinanza n 660/2017 del TAR Toscana di rimessione alla Corte Costituzionale per la qlc del comma 6 ter.

Il Permesso di costruire

la distinzione dalla SCIA; la disciplina nel Dpr 380/2001 e nella legge regionale 15/2013 novellata; i titoli e gli interventi previsti dal Dpr 380/2001 dopo le innovazioni delle leggi 98/2013 e 164/2014 ;
– il comportamento amministrativo;  – cosa comporta la domanda di parte; – i termini e la scadenza;  – il ritardo e la sanzione prevista dal Decreto del Fare.

Il silenzio amministrativo per scadenza dei termini e il silenzio tra amministrazioni quando si chieda un parere all’interno del procedimento. Le innovazioni previste nell’articolo 17 bis L 241/90.

– La sospensione del procedimento e l’interruzione; – l’integrazione documentale;  la risposta, il preavviso di rigetto. La responsabilità di procedimento.

– le innovazioni introdotte dalla legge 164/2014 sul permesso di costruire (permesso in deroga, permesso convenzionato).

Il permesso in deroga previsto dalla LR 15/2017 novellata. Le altre novità intervenute nella LR.

La proroga. Il silenzio assenso.

Il nuovo articolo 6 del DPR 380/2001: cosa sia l’attività di edilizia libera;

Il glossario dell’edilizia libera- le definizioni uniformi nazionali e regionali

L’introduzione dell’articolo 6 bis e la CILA; la comunicazione tardiva; l’imposizione del

pagamento della sanzione e la natura della sanzione pecuniaria introdotta nel 2010.

Il corso è a numero chiuso (max 30 persone), le iscrizioni saranno accettate in ordine di arrivo.

Iscrizioni entro il 2/06/19 1 Iscrizioni dopo il 2/06/19 Offerta PORTA 1 COLLEGA GRATIS 2
Enti pubblici e Privati € 310 € 360 SI
Piccoli Comuni
(fino 8.000 ab.)
€ 230 € 280 SI
Ingresso con
Abbonamento 3
1 ingresso 1 ingresso NO
Gli importi si intendono + iva 22 %; se la fattura è intestata ad Ente pubblico, la quota è esente iva ai sensi dell’art. 10, DPR 633/72 e successive  modificazioni e all’importo si somma la rivalsa di 2 euro della marca da bollo. 

 

LE QUOTE COMPRENDONO ingresso in aula, materiale didattico in formato elettronico e materiale di supporto, coffee break e, se il corso è a giornata intera, light lunch.

Ente pubblico – il pagamento dovrà avvenire entro 30 giorni e copia di Determina o Buono ordine o altro impegno dovrà essere trasmessa prima del corso alla segreteria organizzativa.

Azienda privata o persona fisica che partecipa al corso a titolo personale – il pagamento dovrà avvenire prima della data del corso e copia della ricevuta del bonifico dovrà essere trasmessa alla segreteria organizzativa.

Note per sconti e promozioni

  1. Le iscrizioni pervenute fino a 10 giorni prima della data del corso usufruiscono di una quota agevolata
  2. PORTA 1 COLLEGA GRATIS! Per iscrizioni provenienti dallo stesso Ente/Azienda è prevista la possibilità di una partecipazione gratuita alla medesima data con almeno due iscrizioni paganti (applicabile anche ai Comuni con popolazione inferiore a 8.000 abitanti; applicabile una volta sola alla medesima data, essendo possibile l’ingresso di un solo partecipante gratuito ad un corso da parte del medesimo Ente; non applicabile agli ingressi con l’utilizzo degli abbonamenti)
  3. ABBONAMENTO CORSI sono previste condizioni agevolate per le iscrizioni multiple, contattare la segreteria organizzativa tramite tel. 0522.337678 o e-mail a segreteria@caldarinieassociati.it

Codici-prodotto MEPA per quote di partecipazione corsi a catalogo (clicca qui)

Segreteria organizzativa
tel 0522.337678
e-mail segreteria@caldarinieassociati.it