AGIBILITA’ DELLE COSTRUZIONI: l’attuale connotazione dell’istituto alla luce delle innovazioni intervenute ad opera delle Leggi 98 del 2013 e L.164 del 2014 ed Lgs. 222/2016 – la segnalazione certificata di agibilità

La definizione dell’Istituto nel Testo Unico Regionale LR Emilia Romagna 15/2013 novellato dal 1/7/2017

  • Data/e
    lunedì 21 ottobre 2019
  • Orario
    9,15 – 13,00 / 14,15 – 16,30
  • Sede
    BOLOGNA
  • Luogo
    Hotel Millenn

    Via Cesare Boldrini 4 - Bologna

Dirigenti, Responsabili Funzionari e loro Collaboratori dei Settori Edilizia e Tecnici di Ente locale.

L’evoluzione storica dell’istituto: la normativa previgente e quella attuale, con le modifiche apportate dal decreto del fare convertito in legge 98/2013. La relazione con i procedimento edilizio.

La potestà legislativa a legiferare sulla agibilità e la delega prevista per le Regioni nella L 98 poi eliminata nella legge 164/2014.

Il decreto legislativo 222/2016 che ha riformato l’istituto riscrivendo l’articolo 24 Dpr 380/2001 e introducendo la segnalazione certificata di agibilità. L’abrogazione dell’articolo 25.

Il certificato di agibilità: il certificato come conclusione del processo edilizio. Il contenuto, la natura giuridica e la funzione. Da certificazione per attestazione igienica a certificato multi funzione che comprova la conformità edilizia e quella igienica, sanitaria, di sicurezza, staticità etc. la diversa visione del legislatore nazionale e di quello regionale e la posizione della Giurisprudenza Amministrativa al riguardo. La funzione dell’istituto: il dovere di chiedere l’agibilità alla fine dei lavori. Quando sia necessario chiedere l’agibilità.

Le innovazione della legge 98/2013 e l’agibilità parziale. Analisi dei casi di agibilità parziale e la parziale fine dei lavori.

La comunicazione di fine dei lavori anche in caso di agibilità parziale; effetti.

La comunicazione della fine dei lavori e la SCIA di fine lavori prevista dal legislatore regionale e nazionale: la diversa disciplina e gli effetti pratici sulla conclusione del processo edilizio.

Le innovazioni introdotte dalla legge 164 del 2014 e i riflessi sull’istituto della agibilità.

Il procedimento: il procedimento non è più  previsto dal Dpr 380/2001. In Emilia Romagna il procedimento è previsto nella LR 15/2013 novellata dalla LR 12/2017. Analisi dell’articolo 23 LR 15/2013.

Cosa cambia rispetto al passato nel contenuto della agibilità “auto” certificata.

Il soggetto che abbia diritto a chiedere l’agibilità.

Il procedimento di controllo e il delicato rapporto con la conformità edilizia. Il controllo della Pubblica Amministrazione duplice, sulla documentazione e sul lavoro eseguito. Il campionamento e la verifica del contenuto delle dichiarazioni di parte.

La relazione con il titolo edilizio e con la CILA. Cosa cambia rispetto al passato.

Non c’è più l’agibilità che si forma per silenzio.

La Giurisprudenza in materia.

Continuità giuridica con il passato e con il Testo unico LS.

La dichiarazione di inagibilità e la differenza con il mancato controllo; l’intervento sulla Segnalazione Certificata di Agibilità e la differenza con l’inagibilità.

Le ordinanze di tutela per l’incolumità pubblica e la salute; l’ordinanza di sgombero. La relazione con l’agibilità, la sicurezza, la salute e i valori costituzionalmente tutelati.

I soggetti del procedimento e la responsabilità del responsabile della PA: civile, amministrativa – di procedimento e di provvedimento – e del tecnico di parte: civile e penale (per la veridicità delle dichiarazioni). Le dichiarazioni del tecnico, la valenza delle dichiarazioni.

Le sanzioni per la mancanza del certificato: il controllo del certificato e dei lavori eseguiti. Le difformità di esecuzione. I risvolti sulla segnalazione certificata e il collegamento con gli abusi edilizi. Agibilità e permanenza di persone.

Gli effetti sull’immobile.

Il contratto di compravendita tra privati di un immobile privo del certificato di agibilità. La Giurisprudenza in materia. I quesiti

Il corso è a numero chiuso, le iscrizioni saranno accettate in ordine di arrivo.

Iscrizioni entro il 11/10/19 1 Iscrizioni dopo il 11/10/19 Offerta PORTA 1 COLLEGA GRATIS 2
Enti pubblici e Privati € 350 € 400 SI
Piccoli Comuni
(fino 8.000 ab.)
€ 250 € 300 SI
Ingresso con
Abbonamento 3
1 ingresso 1 ingresso NO
Gli importi si intendono + iva 22 %; se la fattura è intestata ad Ente pubblico, la quota è esente iva ai sensi dell’art. 10, DPR 633/72 e successive  modificazioni e all’importo si somma la rivalsa di 2 euro della marca da bollo. 

 

LE QUOTE COMPRENDONO ingresso in aula, materiale didattico in formato elettronico e materiale di supporto, coffee break e, se il corso è a giornata intera, light lunch.

Ente pubblico – il pagamento dovrà avvenire entro 30 giorni e copia di Determina o Buono ordine o altro impegno dovrà essere trasmessa prima del corso alla segreteria organizzativa.

Azienda privata o persona fisica che partecipa al corso a titolo personale – il pagamento dovrà avvenire prima della data del corso e copia della ricevuta del bonifico dovrà essere trasmessa alla segreteria organizzativa.

Note per sconti e promozioni

  1. Le iscrizioni pervenute fino a 10 giorni prima della data del corso usufruiscono di una quota agevolata
  2. PORTA 1 COLLEGA GRATIS! Per iscrizioni provenienti dallo stesso Ente/Azienda è prevista la possibilità di una partecipazione gratuita alla medesima data con almeno due iscrizioni paganti (applicabile anche ai Comuni con popolazione inferiore a 8.000 abitanti; applicabile una volta sola alla medesima data, essendo possibile l’ingresso di un solo partecipante gratuito ad un corso da parte del medesimo Ente; non applicabile agli ingressi con l’utilizzo degli abbonamenti)
  3. ABBONAMENTO CORSI sono previste condizioni agevolate per le iscrizioni multiple, contattare la segreteria organizzativa tramite tel. 0522.337678 o e-mail a segreteria@caldarinieassociati.it

Codici-prodotto MEPA per quote di partecipazione corsi a catalogo (clicca qui)

Segreteria organizzativa
tel 0522.337678
e-mail segreteria@caldarinieassociati.it

torna su

Docente

PAOLA MINETTI

Avvocato Specializzata SPISA, Funzionario di Comune Capoluogo di Regione, docente e consulente Enti locali. Autrice di pubblicazioni in materia e cultore di diritto amministrativo all’Università degli Studi di Bologna, facoltà di Scienze Politiche. Socio effettivo di INU.
Scopri di più

Il corso si terrà presso Hotel MILLENN, a differenza di quanto inizialmente comunicato