ACCERTAMENTO DI COMPATIBILITÀ PAESAGGISTICA E RACCORDO CON IL SISTEMA SANZIONATORIO EDILIZIO

  • Data/e
    mercoledì 8 maggio 2019
  • Orario
    9,15 – 13,00 / 14,15 – 16,30
  • Sede
    MILANO
  • Luogo
    Hotel Andreola

    Via Scarlatti, 24 - Milano

Docente

PAOLA MINETTI

Funzionario di Amministrazione comunale con P.O. Specializzata in Studi sull’Amministrazione Pubblica (SPISA, Università di Bologna). Autore di pubblicazioni in materia. Socio effettivo di INU.
Scopri di più

Evento concluso.

Dirigenti, Responsabili Funzionari e loro Collaboratori dei Settori Edilizia e  Tecnici di Ente locale.

Cenni al concetto di governo del territorio e all’evoluzione legislativa sul tema.

La legislazione concorrente in materia di governo del territorio: le funzioni dello Stato e della Regione. Articolo 117 della Costituzione

La delega della Regione al Comune per il rilascio della autorizzazione paesaggistica: i presupposti e le condizioni

La legislazione in materia di ambiente e l’orientamento della Corte Costituzionale: il Codice Urbani. – La normativa regionale a tutela del paesaggio; i vincoli paesaggistici definiti dal codice Urbani e quelli apposti successivamente da decreto. Il tema del vincolo posto successivamente alla edificazione del manufatto. – Excursus storico dal Codice Urbani, alle modifiche del 2006, al 2008 (D Lgs 62 e 63) e la legge 308/2004.

Conseguenze della apposizione del vincolo paesaggistico sulla edificazione dei manufatti. L’autorizzazione è un atto autonomo e presupposto secondo il testo dell’articolo 146 del D Lgs 42/2004: il significato di questo disposto normativo e le conseguenze. – Il divieto di rilascio di autorizzazione paesaggistica in sanatoria previsto dall’articolo 146 citato, le conseguenze.

Le deroghe al divieto e il potere di rilascio della autorizzazione paesaggistica in sanatoria e la nuova interpretazione “temporale” data a tale divieto dal parere del MIBACT del 2015. I casi di: mancato rilascio della autorizzazione paesaggistica per erronea credenza sulla non necessità della stessa; mancata trasmissione da parte del Comune alla Soprintendenza; vincolo non ancora apposto sul luogo al momento della edificazione; vincolo apposto successivamente alla costruzione (autorizzata con titolo edilizio) ma eseguita in maniera difforme; errata interpretazione sulla estensione del vincolo ed errata perimetrazione nello strumento urbanistico.

L’alternatività tra sanzione pecuniaria e ripristinatoria – Giudizio di compatibilità paesaggistica dei volumi tecnici – Rilascio con formula “ora per allora”……..

L’accertamento di compatibilità paesaggistica definito negli articoli 167 e 181 del D.Lgs. n. 42/04: – analisi dell’articolo 167 e del il procedimento di accertamento di compatibilità e la sua relazione con i titoli edilizi in sanatoria o accertamento di conformità ai sensi dell’articolo 36 Dpr 380/2001 (ove non diversamente disciplinato dalla legislazione regionale) e 37 comma 4 Dpr 380/2001.

La relazione tra la normativa nazionale di tutela del paesaggio e quelle  regionali sui titoli edilizi: il raccordo tra le normative e la prevalenza della tutela del paesaggio (articolo 9 della Costituzione) rispetto al diritto di proprietà e ad edificare.

I nuovi concetti espressi dal D Lgs 31/2017 in relazione alla leale collaborazione e al bilanciamento degli interessi: come incidano sul tema della compatibilità. Il principio di proporzionalità. Il principio di ragionevolezza.

Il procedimento in sanatoria (o accertamento di compatibilità): dalla documentazione necessaria al rilascio dell’accertamento di compatibilità. L’espressione di parere della commissione preposta.

La domanda di parte: importanza della espressione di volontà dato che si tratta di un reato di pericolo – a documentazione da allegare – Il tempo per il rilascio, e la valenza del parere della Soprintendenza obbligatorio e vincolante – il rapporto tra PA e l’introduzione dell’articolo 17 bis della L 241/90 (silenzio tra Pubbliche Amministrazioni); come incide sul procedimento di accertamento di compatibilità- la posizione del MIBACT sul tema – Il rilascio dell’accertamento e/o il diniego.

Analisi del comma 4 e del comma 5 dell’articolo 167.

La procedura di autorizzazione in sanatoria ante 2006: un nuovo procedimento non previsto dall’attuale articolo 146 del Codice Urbani.

La Giurisprudenza in materia e la lettura della irretroattività della sanzione.

L’annullamento di una autorizzazione paesaggistica da parte della Soprintendenza o del Giudice: effetti del Giudicato. Il procedimento sanzionatorio: dall’accertamento della violazione alla auto denuncia. Effetti di tale accertamento

Avvio del procedimento sanzionatorio. L’ordinanza di rimessione in pristino: competenza e modalità di redazione.  Il rapporto con la legislazione edilizia: come si raccordano le due normative e come devono operare i soggetti della PA. – La non coincidenza tra gli interventi soggetti ad autorizzazione paesaggistica e soggetti ad autorizzazione edilizia. – la mancanza di un regime  transitorio nel Codice; il condono ambientale – cenni (L. n. 308/04) e la sua trasfusione nel Codice.

La sanatoria edilizia e la “sanatoria” paesaggistica; la relazione tra il reato edilizio e quello paesaggistico. L’estinzione del reato paesaggistico in caso di ravvedimento e la permanenza del reato edilizio. Il reato paesaggistico è reato di pericolo: la posizione della Corte di Cassazione in merito.

Il cumulo di sanzioni edilizia e paesaggistica; la sanzione pecuniaria amministrativa per la violazione delle norme poste a tutela del paesaggio. – Il ravvedimento operoso (articolo 181 del D.Lgs. n. 42/04) e sua incidenza sul procedimento penale e su quello amministrativo. Il problema del volume tecnico.

Il corso è a numero chiuso (max 25 persone), le iscrizioni saranno accettate in ordine di arrivo.

Iscrizioni entro il 28/04/191 Iscrizioni dopo il 28/04/19 Offerta PORTA 1 COLLEGA GRATIS2
Enti pubblici e Privati € 330 € 380 SI
Piccoli Comuni
(fino a 8.000 abitanti)
€ 230 € 280 SI
Ingresso con
Abbonamenti3
1 ingresso 1 ingresso NO

 

Gli importi si intendono + iva 22 %; se la fattura è intestata ad Ente pubblico, la quota è esente iva ai sensi dell’art. 10, DPR 633/72 e successive  modificazioni e all’importo si somma la rivalsa di 2 euro della marca da bollo. 

LE QUOTE COMPRENDONO ingresso in aula, materiale didattico in formato elettronico e materiale di supporto, coffee break e, se il corso è a giornata intera, light lunch.

Ente pubblico – il pagamento dovrà avvenire entro 30 giorni dalla data del corso e copia di Determina o Buono ordine o altro impegno dovrà essere trasmessa prima del corso alla segreteria organizzativa.

Azienda privata o persona fisica che partecipa al corso a titolo personale – il pagamento dovrà avvenire prima della data del corso e copia della ricevuta del bonifico dovrà essere trasmessa alla segreteria organizzativa.

Note per sconti e promozioni

  1. Le iscrizioni pervenute fino a 10 giorni prima della data del corso usufruiscono di una quota agevolata
  2. PORTA 1 COLLEGA GRATIS! Per iscrizioni provenienti dallo stesso Ente/Azienda è prevista la possibilità di una partecipazione gratuita alla medesima data con almeno due iscrizioni paganti(applicabile anche ai Comuni con popolazione inferiore a 8.000 abitanti; applicabile una volta sola alla medesima data, essendo possibile l’ingresso di un solo partecipante gratuito ad un corso da parte del medesimo Ente; non applicabile agli ingressi con l’utilizzo degli abbonamenti)
  3. ABBONAMENTO CORSI a partire da € 260 a ingresso: sono previste condizioni agevolate per le iscrizioni multiple, contattare la segreteria organizzativa tramite tel. 0522.337678 o e-mail a segreteria@caldarinieassociati.it

Codici-prodotto MEPA per quote di partecipazione corsi a catalogo (clicca qui)

Segreteria organizzativa
tel 0522.337678
e-mail segreteria@caldarinieassociati.it